Malattie al nido e a scuola: No, grazie!

Per i genitori, ogni giorno porta con sé una moltitudine di sfide. Dopo aver inserito con successo il vostro piccolo al nido, il problema successivo è dietro l’angolo: le malattie dell’inverno!

Al rientro all’asilo dopo le feste, quando ad un’infezione ne segue un’altra, non è importante solo aiutare i più piccoli a riprendersi, ma anche prevenire il contagio dell’intera famiglia. La cura dei bambini malati mette alla prova l’equilibrio tra la vita lavorativa e familiare.

Publicato il 2/02/2024
Autore: Redazione HdT

INFEZIONI NELLE STRUTTURE PER L’INFANZIA: PERCHÉ I BAMBINI SI AMMALANO COSÌ SPESSO?

I principali fattori di infezione nelle strutture per l’infanzia sono la vicinanza tra i bambini e la tendenza a portarsi mani e oggetti alla bocca. La situazione si aggrava in inverno, quando quasi tutte le attività si svolgono all’interno; l’aria secca riduce la resistenza delle mucose, le esalazioni si concentrano nell’aria e i giocattoli che vengono passati da un bambino all’altro fungono da mezzo di trasporto ideale per le infezioni.

Inoltre, il sistema immunitario del bambino ha ancora poche armi contro la moltitudine di virus e batteri. La buona notizia è che questo migliora con il tempo.

OGNI INFEZIONE RAFFORZA LE DIFESE IMMUNITARIE

Per lo sviluppo del sistema immunitario del bambino, lo scambio di patogeni all’asilo e a scuola vale oro. Alla nascita, infatti, i bambini sono dotati solo del sistema immunitario innato o non specifico; quello che manca è la memoria immunologica della difesa immunitaria specifica.

Mentre la difesa immunitaria non specifica è presente sin dall’inizio, il sistema immunitario adattativo o specifico deve essere acquisito gradualmente. E funziona in questo modo: se si entra in contatto con un agente patogeno che ha superato la difesa non specifica, si attiva la difesa specifica.

In questo caso, non solo viene analizzata l’impronta dell’intruso, ma viene anche memorizzata nella memoria immunologica. Il vantaggio è che,  in caso di nuovo contatto con questo agente patogeno, l’organismo è in grado di eliminare l’intruso dannoso molto più rapidamente rispetto al primo contatto. Pertanto, il sistema immunitario impara a ogni nuovo contatto con il patogeno, il che è importante per creare una difesa specifica.

MALATTIE COMUNI ALL’ASILO NIDO

Le strutture per l’infanzia sono un vero paradiso per batteri e virus. Oltre ai più inoffensivi raffreddori, i bambini condividono anche malattie altamente contagiose. Tra le malattie più comuni ci sono:

  • Malattie respiratorie: tosse, mal di gola e raffreddori sono i segni tipici di una malattia respiratoria. Anche i coronavirus e il Covid-19 rientrano in questa categoria.
  • Congiuntivite: occhi arrossati, frequente sfregamento degli occhi e gonfiore dei bordi delle palpebre possono indicare una congiuntivite. Inoltre, le palpebre di solito sono appiccicose al mattino e il bambino si lamenta di bruciore, prurito e/o lacrimazione.
  • Infezioni gastrointestinali: se si verificano diarrea, nausea e vomito, di solito si tratta di infezioni gastrointestinali classiche.
  • Virus mani, piedi e bocca: questa malattia altamente contagiosa causata da un virus, di solito inizia con febbre, perdita di appetito e mal di gola. È caratterizzata anche da piccole macchie rosse sulla lingua e sulle gengive, che diventano vesciche dolorose man mano che la malattia progredisce. Successivamente compaiono i sintomi che danno il nome alla malattia: macchie rosse sulle palme delle mani e sulla pianta dei piedi.
  • Scarlattina: questa malattia infantile è causata da un batterio. I sintomi includono mal di testa, mal di gola, brividi e febbre che aumenta rapidamente. La scarlattina è caratterizzata da una “lingua lampone”. Anche se all’inizio la lingua è coperta di bianco, l’aspetto cambia dopo alcuni giorni e può essere osservato un arrossamento di colore lampone. Compare anche un’eruzione cutanea che non prude e che può interessare tutto il corpo, iniziando da ascelle, petto e inguine.

Per evitare la diffusione delle malattie:

i bambini con sintomi evidenti (ad esempio, febbre) non possono frequentare la struttura;  i genitori dei bambini malati sono anche tenuti a segnalare determinate malattie. Tra le malattie a notifica obbligatoria ci sono scarlattina, varicella e infezioni da meningococco.

PREVENIRE È MEGLIO CHE CURARE – 5 CONSIGLI PER TUTTA LA FAMIGLIA

LLe malattie negli asili e nelle scuole non possono essere evitate completamente. In genere, fino a dieci raffreddori all’anno sono considerati normali nei bambini.(1) Tuttavia, adottando le misure adeguate, è possibile contribuire a contenere le infezioni  ed evitare uno stress aggiuntivo per tutta la famiglia.

1. CINQUE PORZIONI DI FRUTTA E VERDURA AL GIORNO, CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA VITAMINA C

Una dieta sana ed equilibrata è un requisito fondamentale per la salute e le prestazioni della vita di tutti i giorni, sia per gli adulti che per i bambini. La frutta e la verdura in particolare contengono molte vitamine e minerali importanti, pertanto sia gli adulti che i bambini dovrebbero consumarne 5 porzioni al giorno, divise in due porzioni di frutta e tre di verdura. Poiché le porzioni per i bambini e gli adulti sono inevitabilmente diverse, la dimensione della rispettiva mano è determinante: una porzione corrisponde a un pugno.
 
Le vitamine e i minerali sono particolarmente importanti; è stato dimostrato che molti di questi micronutrienti rafforzano il sistema immunitario. La vitamina C, in particolare, è nota per questo.
 
Molti tipi di cavolo sono fonti ideali di vitamina C, ad esempio, il cavolo bianco, il cavolo rosso e i cavolini di Bruxelles. Anche i peperoni rossi rientrano tra le verdure con un alto contenuto di vitamina C. Ribes nero, fragole, arance, mandarini e kiwi sono tipi di frutta che contengono molta vitamina C.
 
Se tuo figlio non ama la frutta e la verdura, questi consigli possono aiutarti:
 
  • Rendi la frutta e la verdura interessanti: per esempio usando formine per dare un aspetto speciale a mele, cetrioli ecc.
  • Sii un buon modello: i bambini imitano l’esempio dei loro genitori.
  • Non forzare.
  • Prova e riprova: le preferenze dei tuoi figli cambiano.
  • Se tutti i tentativi falliscono, c’è ancora l’opzione di mescolare frutta e verdura all’interno dei loro piatti preferiti. Ad esempio, mele e banane grattugiate possono essere facilmente mescolate con la farina d’avena a colazione. Se, al contrario, a tuo figlio piacciono le polpette, puoi aggiungere delle verdure grattugiate.

2. ASSICURATI DI AVERE UN ADEGUATO APPORTO DI VITAMINA D

La vitamina D svolge un ruolo importante per il sistema immunitario, contribuendo al suo normale funzionamento. Non è possibile ottenere un apporto sufficiente di vitamina D soltanto attraverso l’alimentazione, pertanto ai bambini viene prescritta vitamina D fin dalla prima infanzia. 

Questa è una misura importante per prevenire il rachitismo, una malattia ossea. Diversi studi dimostrano che la carenza di vitamina D è rilevante anche nei bambini più grandi e negli adolescenti.(2) 

Il problema è che la vitamina D può essere ottenuta in quantità significative solo da alcuni alimenti. Questa vitamina liposolubile viene sintetizzata principalmente attraverso l’esposizione della pelle al sole.(3) 

Tuttavia, il sole rappresenta anche un pericolo per i bambini in età prescolare. Le radiazioni UV, infatti, possono causare non solo scottature e danni agli occhi, ma anche predisporre al cancro della pelle in età avanzata. La protezione solare è obbligatoria, ma questa interferisce con l’assorbimento della vitamina D. Inoltre, i mesi con poco sole in autunno e inverno, ne complicano l’assorbimento.

Diversi studi dimostrano che molti bambini in Germania e in altri paesi europei hanno bassi livelli di vitamina D nel sangue, soprattutto in inverno e primavera.(4)

È importante parlare con il pediatra per valutare se è consigliabile integrare la vitamina D per tuo figlio/a e, in caso affermativo, in quale dose.

Prodotto in evidenza

TRATTAMENTO

Dr. Immune Five

29,80
Vai al prodotto

Hifas da Terra, laboratorio specializzato nello sviluppo di integratori alimentari naturali a base di funghi 100% puri, ha creato lo sciroppo Dr. Immune Five, una formula pediatrica che contiene estratti di funghi, oltre a vitamine (C e D) e fibre. Abbiamo selezionato 5 funghi molto preziosi per il sistema immunitario e ricchi di sostanze bioattive come beta-glucani, terpeni, peptidi, ecc., come Reishi, Agaricus, Chaga, Shiitake e Pleurotus

  • Sostanze naturali e bioattive da cinque estratti di funghi puri 
  • Favorisce la normale funzione immunitaria* 
  • Biodisponibilità ottimizzata dei principi attivi 
  • Ideale per bambini dai 3 ai 6 anni

 * Dr. Immune Five contiene fibre (FOS + inulina) e vitamine D e C, che contribuiscono al normale funzionamento del sistema immunitario.

3. RISPETTARE LE NORME IGIENICHE 

Molte malattie infettive si trasmettono attraverso le mani, pertanto lavarsi le mani correttamente e regolarmente aiuta a ridurre il rischio di infezione

Gli studi confermano che lavarsi le mani regolarmente può ridurre il rischio di contrarre malattie. Più spesso ti lavi le mani, minore è il rischio di infezione. Attenzione: lavarsi le mani più di 10 volte al giorno non promette vantaggi significativi rispetto a una frequenza da 5 a 10 volte al giorno.(5)

Quando tuo figlio torna a casa dall’asilo o da scuola, la prima tappa dovrebbe essere il lavandino. Lavarsi bene le mani è semplice, ma la maggior parte degli adulti non lo fa correttamente: 

  1. Prima di tutto, bagnati le mani con acqua corrente calda

  2.  Insaponati bene le mani su tutti i lati per almeno 20 secondi

  3. Includi la punta delle dita, che possono essere facilmente strofinate sui palmi, metti le mani una sopra l’altra per raggiungere il dorso e gli spazi tra le dita 

  4. Sciacqua con acqua corrente, sempre calda 

  5. Asciuga bene con un tovagliolo di carta o un asciugamano (cambialo spesso)

4. SUFFICIENTE SONNO

Il corpo umano si rigenera durante il sonno e questo influisce anche sul sistema immunitario. Se al corpo manca il sonno, le funzioni delle cellule T del sistema immunitario adattativo vengono ridotte. Queste sono cellule bianche che cercano ed eliminano le cellule infette.

In effetti, dormire bene aiuta il sistema immunitario a svolgere al meglio i suoi compiti. 

La quantità di sonno necessaria dipende dall’età. Queste sono le indicazioni per i bambini in età prescolare e scolare.

  • I bambini da uno a due anni dovrebbero dormire tra le 11 e le 14 ore
  • È ideale che i bambini dai tre ai cinque anni dormano tra le 10 e le 13 ore
  • I bambini dai sei ai dodici anni dovrebbero dormire tra le 9 e le 12 ore

5. BERE ABBASTANZA E REGOLARMENTE

La secchezza delle mucose gioca a favore degli agenti patogeni. Pertanto, assicurati che la tua famiglia beva abbastanza liquidi a intervalli regolari, particolarmente in inverno, quando l’aria secca del riscaldamento secca le mucose. L’acqua è la bevanda ideale!

Quanto dovrebbero bere i bambini? Le esigenze specifiche di liquidi dipendono da vari fattori. Tra questi, età, clima e attività svolta giocano un ruolo decisivo. Le seguenti informazioni possono essere usate come guida.

  • I bambini di età superiore a un anno dovrebbero bere circa 600 ml al giorno
  • I bambini dai quattro ai dieci anni soddisfano le loro esigenze giornaliere di liquidi con un litro

CONCLUSIONI: LE INFEZIONI ALL’ASILO E A SCUOLA SONO UNA SFIDA, MA POSSONO ESSERE CONTENUTE

L’inverno all’asilo può essere molto difficile, sia per i genitori che per i bambini. Numerosi fattori favoriscono la diffusione di molte malattie. Dagli innocui raffreddori alle malattie infantili altamente contagiose, come la scarlattina. Sebbene le infezioni regolari siano normali e anche importanti per rafforzare il sistema immunitario, batteri e virus presenti all’asilo e a scuola mettono alla prova i nervi di tutti gli interessati.

Anche se le infezioni non possono essere prevenute completamente, possono essere contenute adottando le misure adeguate. Ogni membro della famiglia dovrebbe seguire una dieta sana ed equilibrata che includa 5 porzioni di frutta e verdura al giorno. In questo modo si garantisce anche l’assunzione di vitamina C, fondamentale per il sistema immunitario. Se i bambini si rifiutano di mangiare frutta e verdura, è necessario avere creatività e pazienza, eventualmente provando a mescolarle segretamente ad altri cibi.

Anche la vitamina D svolge un ruolo cruciale per il sistema immunitario. Sfortunatamente, attraverso la dieta non si riesce ad avere un adeguato apporto di vitamina D, quindi la si dovrebbe assumere attraverso integratori.

Inoltre, le infezioni possono essere combattute con adeguate misure igieniche: è essenziale lavarsi le mani accuratamente e regolarmente. Da 5 a 10 volte al giorno è una buona prassi.

Se tutti i membri della famiglia dormono a sufficienza e si assicurano di bere abbastanza acqua in modo regolare, la famiglia sarà ben preparata per combattere virus e batteri.

      1. NCBI, „Common colds: Overview“, unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK279543/, zuletzt abgerufen am 22.05.2023
      2. Carol L WagnerFrank R GreerAmerican Academy of Pediatrics Section on BreastfeedingAmerican Academy of Pediatrics Committee on Nutrition, NCBI, „Prevention of rickets and vitamin D deficiency in infants, children, and adolescents“, unter: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18977996/, zuletzt abgerufen am 22.05.2023
      3. M F HolickJ A MacLaughlinM B ClarkS A HolickJ T Potts JrR R AndersonI H BlankJ A ParrishP Elias, NCBI, „Photosynthesis of previtamin D3 in human skin and the physiologic consequences“, unter: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/6251551/, zuletzt abgerufen am 22.05.2023
      4. Thomas ReinehrDirk SchnabelMartin WabitschSusanne Bechtold-Dalla PozzaChristoph BührerBettina HeidtmannFrank JochumThomas Kauth,8 Antje KörnerWalter MihatschChristine PrellSilvia RudloffBettina TittelJoachim WoelfleKlaus-Peter Zimmer and Berthold Koletzko, „Vitamin D supplementation after the second year of life: joint position of the Committee on Nutrition, German Society for Pediatric and Adolescent Medicine (DGKJ e.V.), and the German Society for Pediatric Endocrinology and Diabetology (DGKED e.V.)“, unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6502918/#Sec1title, zuletzt abgerufen am 22.05.2023
      5. Yangqin XunQingxia ShiNan Yang, Nan YangYan LiWenwen Si, Qianling ShiZijun WangXia Liu, 7 Xuan YuQi ZhouMinyan Yang, and Yaolong Chen, NCBI, „Associations of hand washing frequency with the incidence of illness: a systematic review and meta-analysis“, unter: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8033386/, zuletzt abgerufen am 23.05.2023

Unisciti alla comunità Hifas da Terra

Novità, notizie, consigli e altri argomenti di interesse per la salute.

Sì, iscrivimi