La dieta depurativa che aiuta a eliminare tossine, grassi e liquidi in eccesso

In poche settimane, la bilancia è schizzata verso l’alto e ora stai cercando una dieta depurativa? Gli esperti indicano che, in generale, non si tratta solo di un aumento della massa grassa corporea; gli eccessi delle feste si traducono anche in liquidi in eccesso e accumulo di tossine a causa di un consumo eccessivo di cibo e bevande alcoliche.

3 KG IN MEDIA

Circa la metà degli italiani prende fino a 3 kg dopo gli eccessi alimentari delle feste. Più peso, maggiore massa grassa corporea, maggiore ritenzione idrica e più tossine; tutto questo implica uno “stato di infiammazione” che ci predispone a disturbi metabolici. In questo articolo raccogliamo le informazioni utili per resettare l’organismo e riprendere abitudini salutari.

Publicato il 31/01/2024
Autore: Redazione HdT

Cosa mangiare durante una dieta depurativa? Come scegliere gli alimenti e gli integratori giusti?

Se noti gonfiore al ventre e soffri di ritenzione idrica, puoi aiutare il tuo corpo a eliminare le tossine optando per alimenti depurativi e integratori che assistano fegato e reni nel processo di smaltimento delle tossine accumulate nell’organismo.

Può essere interessante anche optare per diuretici che favoriscano il drenaggio e contribuiscano a una migliore circolazione sanguigna

Vediamolo in dettaglio:

Detox diuretica

Come abbiamo detto, la tossicità può influenzare il sistema gastrointestinale, ma anche quello nervoso, renale, ecc. La scelta di integratori diuretici favorirà l’eliminazione dei liquidi in cui si accumulano le tossine.

Il fungo Polyporus contiene ergosterolo (provitamina D2) ed ergone, due sostanze studiate nella ritenzione idrica (Zhao YY, et al., 2009 e Yuan et al., 2004).

Drenaggio linfatico

Gli integratori che favoriscono il drenaggio linfatico contribuiscono alla mobilizzazione della linfa e aiutano a eliminare gli edemi che si accumulano, soprattutto nell’addome e negli arti.

Pulizia epatica

Fegato e reni sono due degli organi più coinvolti nell’eliminazione delle tossine, quindi includere sostanze epatoprotettrici favorisce la salute epatica.

A seguire, parliamo di due risorse utili per la tua dieta depurativa:

Se ti piace ciò che stai leggendo, ricorda di iscriverti alla nostra newsletter. PUOI farlo qui

1. Funghi puri ricchi di sostanze bioattive

I funghi medicinali, in particolare alcune specie note per i loro composti bioattivi, presentano proprietà molto interessanti per la disintossicazione del corpo.

I funghi contengono vari metaboliti secondari (molecole prodotte dai funghi che li aiutano a difendersi da parassiti e patogeni), come polifenoli, flavonoidi e beta-glucani, che contribuiscono alle loro proprietà antiossidanti.

Sebbene la maggior parte di essi venisse tradizionalmente consumata sotto forma di infuso, ora si trovano anche sotto forma di integratori alimentari che presentano una maggiore concentrazione delle loro biomolecole attive; soprattutto se si tratta di estratti, la forma più concentrata disponibile sul mercato.

HIFAS-DETOX

HIFAS-Detox è un integratore di Qualità Premium, prodotto da Hifas da Terra, azienda biotecnologica specializzata nello studio dei funghi e delle loro biomolecole per lo sviluppo di integratori alimentari. In Hifas, grazie alla nostra specializzazione e ricerca, siamo pionieri nello sviluppo di integratori a base di funghi medicinali come Reishi, Hericium, Maitake e Polyporus, tra gli altri. Analizziamo ogni specie selezionando i migliori ceppi in base alla loro composizione biochimica, scegliamo il mezzo di coltura più adatto e otteniamo estratti con elevate concentrazioni delle biomolecole di interesse.

Così, Hifas Detox è l’integratore a base di Maitake e Polyporus che contiene solo β-(1-3),(1-6) D-glucani e α-glucani, triterpenoidi, ergotioneina, ergosterolo (precursore della vitamina D2). Contiene anche vitamina C naturale da acerola (Malpighia glabra), che migliora la biodisponibilità degli estratti e potenzia così la loro azione.

PER SAPERNE DI PIÙ

2. Il ruolo delle fibre nella disintossicazione

Le fibre svolgono un ruolo cruciale nei processi di disintossicazione del corpo, specialmente nel tratto gastrointestinale. Alcune ricerche condotte in Svezia hanno focalizzato l’attenzione sull’analisi delle feci per rilevare possibili malattie del sistema gastrointestinale.

Le diete ricche di fibre giocano un ruolo significativo nel processo di disintossicazione aumentando la quantità di materia fecale e accelerando il transito attraverso il colon. Questo aumento di fibra non solo contribuisce a eliminare efficacemente i residui metabolici, ma facilita anche l’adesione ed eliminazione di varie tossine.

Inoltre, la capacità delle fibre di migliorare il microbiota intestinale benefico e di legarsi a sostanze nocive sottolinea la loro importanza nel supportare la complessa rete di processi coinvolti nella cascata di disintossicazione all’interno del tratto gastrointestinale.

Che cosa prendere o mangiare per sgonfiarsi?

In questo periodo si sente parlare ovunque di diete brevi, digiuni intermittenti, diete ipocaloriche, cibi depurativi, bruciagrassi naturali, di come entrare in uno stato di chetosi e di ricette di zuppe depurative.

La dieta che aiuta a depurare

L’obiettivo di una dieta per depurare l’organismo è liberarsi dei chili in eccesso senza subire un effetto boomerang e senza passare attraverso grandi privazioni. Non stiamo parlando di diete miracolose. È necessario scegliere un piano depurativo equilibrato che fornisca i nutrienti di cui abbiamo bisogno e favorisca il drenaggio senza aumentare i livelli di stress, il che comprometterebbe l’efficacia del piano detox.

Dopo gli eccessi delle feste, la cosa più intelligente da fare è aiutare gli organi responsabili della disintossicazione a svolgere il loro lavoro nel modo migliore possibile, fornendo loro tutti gli strumenti per eliminare le tossine dal nostro corpo attraverso il sudore, l’urina e le feci.

La dieta depurativa più efficace: perdere chili in pochi giorni

La regola d’oro per perdere peso e depurare l’organismo è consumare più calorie di quelle assunte e fare in modo che i cibi siano il più salutari possibile. È risaputo che gli alimenti ricchi di grassi, zuccheri o carboidrati raffinati possono essere una grande fonte di energia rapida, ma possono anche influire negativamente sulla nostra salute a medio e lungo termine.

Se questo argomento non è abbastanza convincente di per sé, studi recenti indicano che mangiare poco può aiutare a migliorare la qualità della vita in vecchiaia e persino prolungare gli anni di vita, anche se non può essere sostenuto in modo permanente senza rischi per la salute.

La restrizione calorica (RC), cioè una sorta di piano ipocalorico (ridotto in calorie ma equilibrato nei nutrienti), comporta una riduzione tra il 10 e il 20% delle calorie totali giornaliere che, secondo gli ultimi studi, potrebbe contribuire a migliorare la qualità della vita in vecchiaia e mantenere le cellule giovani.

Questo è oggetto di ricerca da parte di scienziati specializzati nell’invecchiamento e, in linea di massima, prevede risultati incoraggianti non privi di critiche, poiché la restrizione calorica sostenuta nel tempo può provocare alterazioni metaboliche e una significativa riduzione della massa corporea.

Senza essere estremisti, sappiamo che gli eccessi nelle diete si traducono in danni cellulari e, in modo indiretto, in una possibile riduzione della vita, quindi mangiare in modo coerente con le nostre esigenze per il maggior tempo possibile ha senso.

Cosa aiuta a pulire il fegato?

Le erbe medicinali, famose per la loro ricchezza in fitochimici, presentano un percorso convincente per facilitare i processi di disintossicazione dell’organismo. Diverse erbe contengono composti bioattivi, come polifenoli, flavonoidi e terpeni, che i ricercatori hanno dimostrato possedere proprietà antiossidanti e antinfiammatorie. Alcune erbe hanno proprietà chelanti dei metalli (unione di metalli pesanti a molecole idrosolubili) che facilitano l’escrezione di metalli come piombo, mercurio e arsenico. Le molecole benefiche delle erbe svolgono un ruolo fondamentale nel rafforzare i meccanismi di difesa cellulare, specialmente nel fegato.

Cosa non mangiare durante una dieta detox?

  1. Zuccheri raffinati: evitare zuccheri processati e raffinati, come quelli presenti in dolci, torte, biscotti e bevande zuccherate.
  2. Alcool: molte diete detox suggeriscono di evitare l’alcool a causa del suo impatto sul fegato e della sua capacità di produrre tossine.
  3. Cibi veloci e fritti: evitare cibi fritti e opzioni di cibo veloce, poiché possono contenere grassi non salutari e additivi.
  4. Caffeina: alcune diete detox propongono di eliminare la caffeina, poiché può avere un effetto diuretico e, in eccesso, può aumentare lo stress nel corpo.
  5. Alimenti processati: evitare cibi altamente processati che contengano additivi, conservanti e altri ingredienti artificiali.
  6. Grassi saturi e grassi trans: limitare l’assunzione di grassi saturi e grassi trans, presenti in cibi fritti, cibi veloci e alcuni prodotti processati.

Glutine e latticini: alcune persone scelgono di eliminare temporaneamente il glutine e i latticini dalla loro dieta durante un periodo di disintossicazione.

Quante ore bisogna digiunare per disintossicare il corpo?

Il digiuno è oggetto di controversie, ma è di moda e ha il sostegno di innumerevoli professionisti della salute che ne citano i benefici per condurre una vita più sana. Potresti aver sentito parlare della chetosi; alcuni studi hanno dimostrato che contribuisce a potenti cambiamenti nelle vie metaboliche e nei processi cellulari, come la resistenza allo stress, la lipolisi e l’autofagia (le cellule del nostro corpo digeriscono e riciclano le parti danneggiate delle cellule, le proteine di scarto e gli agenti causanti malattie).

Il digiuno intermittente 12/12: Quali sono i suoi aspetti positivi?

Secondo il biochimico Valter Longo, esperto in longevità, nutrizione e malattie, il digiuno intermittente più sicuro a lungo termine è il 12/12, poiché eliminare la colazione è stato associato a una minor aspettativa di vita. In una recente intervista, lo scienziato italiano ha dichiarato che tre o quattro giorni di digiuno intermittente possono:

  • Ripristinare la sensibilità all’insulina.
  • Favorire il restringimento degli organi. In questo processo vengono eliminati elementi antichi del corpo e altri che sono danneggiati e non funzionano.
  • Le cellule staminali vengono poste in modalità di riposo o stand-by.

SINTESI: DIETA DEPURATIVA ED ESERCIZIO

In sintesi, in ogni piano depurativo è molto importante prestare attenzione alla salute del nostro sistema linfatico e, come abbiamo visto in precedenza, esistono vari metodi per migliorare il drenaggio. Dai metodi più manuali, come i massaggi, alle altre risorse, come gli integratori di qualità premium, che possono AIUTARE A MIGLIORARE il movimento linfatico ed eliminare il gonfiore.

ECCO ALCUNE RICETTE DETOX PER INIZIARE

Insalata Detox di Quinoa

Ingredienti: quinoa cotta, spinaci, avocado, cetriolo, pomodoro, succo di limone e olio d’oliva.

Frullato Verde Disintossicante

Ingredienti: spinaci, ananas, zenzero, cetriolo, sedano e acqua di cocco.

Zuppa Depurativa di Lenticchie e Verdure

Ingredienti: lenticchie, carote, sedano, cipolla, aglio, pomodoro, brodo di verdure.

ALTRI CONSIGLI IMPORTANTI

  • Cerca di dormire regolarmente: durante il sonno, il sistema immunitario è in grado di lavorare al massimo livello e lo fa, tra le altre cose, per riparare i danni causati dalle tossine, dall’ossidazione e dall’azione di virus e batteri.
  • Idratati: mantieni un’idratazione costante durante il giorno con acqua, tisane e tè.
  • Dai la priorità a frutta e verdura fresca, che forniscono vitamine, minerali e antiossidanti e opta per cibi come cereali integrali, legumi e frutta secca.
  • Incorpora alla tua dieta alimenti noti per le loro proprietà depurative, come broccoli, spinaci, barbabietole e zenzero. Opta per integratori di qualità premium che favoriscano l’eliminazione delle tossine e aiutino fegato e reni.
  • Aggiungi alla tua routine tisane che stimolino la digestione e aiutino a eliminare le tossine, come tè verde, tarassaco o zenzero.
  • Vai in palestra, cammina, nuota, ecc. L’esercizio fisico stimola la circolazione e favorisce l’eliminazione delle tossine attraverso il sudore.

Unisciti alla comunità Hifas da Terra

Novità, notizie, consigli e altri argomenti di interesse per la salute.

Sì, iscrivimi